Dintorni di Racines

Mondo Avventura Montagna

La zona escursionistica Racines-Giovo con i numerosei sentieri, le malghe, i prati fioriti ed i laghetti d’altura, un bellissimo mondo per gli amanti delle camminate, sia facili che impegnative.
Il sentiero Mondo Avventura Montagna, particolarmente adatto per famiglie con bambini, parte dalla stazione a monte della cabinovia Racines-Giovo un bel modo di trascorrere una giornata in montagna, sperimentando, divertendosi e imporando molte cose nuove. Il mondo delle formiche, il mondo delle marmotte, soprendenti strutture da arrampicata e le malghe per il ristoro a racines.


Dolomiti

Massicci montuosi mozzafiato e formazioni rocciose spettacolari: così si presenta la catena delle Dolomiti, sorta oltre 200 milioni di anni fa nelle Alpi meridionali dell’Alto Adige.

Questo famoso gruppo montuoso, dichiarato nel 2009 patrimonio naturale dell’umanità dall’Unesco, viene chiamato anche “monti pallidi”. Nella luce del tramonto la chiara pietra delle Dolomiti risplende, leggermente rossastra. Una straordinaria caratteristica delle Dolomiti sono gli improvvisi cambiamenti di paesaggio: di colpo si passa da erte rocce a soffici prati e alpeggi.

La vetta più alta delle Dolomiti in Alto Adige è la Marmolada con i suoi 3.342m. Fu scalata per la prima volta il 3 agosto del 1802.

Trekking vacanza in Alto Adige

Le città dell’Alto Adige

Merano, città termale

Merano, città dell’Alto Adige dal clima mediterraneo, città termale con le sue stupende stradine e i tantissimi negozi vi invita a fare un po’ di shopping e a godere dei caldi raggi del sole. Accanto alle palme vi si trovano abeti rossi e pini locali dietro ai quali si apre la vista sull’imponente Ifinger con i suoi 2.581 m. Questa è varietà!

Castel Trauttmansdorff

Lungo i vialetti degli 80 giardini a tema distribuiti nell’area di 12 ha si scopre continuamente qualcosa di nuovo. Vi consigliamo pertanto di preventivare dalle 3 alle 6 ore per la visita ai giardini e al Touriseum. Al centro dei giardini si erge il castello. Il Conte Trauttmansdorff lo aveva fatto erigere su rovine medievali; l’imperatrice Sissi vi trascorse due inverni. Attualmente il castello ospita il Touriseum, il museo del turismo. Negli ambienti in cui soggiornò l’imperatrice Sissi, ora restaurati, affascinanti elementi d’arredamento e attente scenografie ripercorrono l’evoluzione dell’Alto Adige a meta turistica d’eccellenza in Europa.

Orari di apertura:

da aprile a ottobre dalle 9.00 alle 19.00

Vipiteno

Nella piccola cittadina di Vipiteno trovate tradizione e qualità in oltre 70 negozi. Fare acquisti a Vipiteno è un autentico piacere e un’esperienza unica. Vi si trovano prelibatezze sudtirolesi e grandi firme della moda italiana. Chi preferisce vi trova anche luoghi di interesse culturale, come il simbolo di Vipiteno: la torre delle dodici, che nel centro cittadino si erge per 46 metri verso il cielo e rappresenta così l’edificio più alto della città.

Nel periodo dell’avvento e di Natale la cittadina di Vipiteno offre ai suoi ospiti un idilliaco mercatino di Natale nel quale vi si trovano svariati prodotti, dalle specialità regionali fino ai ricami ed alle pantofole tipiche tirolesi. Per tenersi caldi e deliziare i sensi non vi è poi nulla di meglio di uno speziato vin brulè, oppure anche di un tè.

Bolzano la “Porta delle Dolomiti”

Bolzano, il capoluogo dell’Alto Adige, si trova a sud delle Alpi, nel nord dell’Italia. Una magnifica vista sulle Dolomiti, a sud la valle dell’Adige che si apre, a ovest gli stupendi boschi di larici di Monzoccolo (Tschögglberg) e a nord la folcloristica Val Sarentino.

Nel centro cittadino vi sono innumerevoli i ristoranti che invitano con delizie della tradizione culinaria italiana e austriaca. E poi vi sono le tante boutique, i mercati, i negozi di prelibatezze per cui Bolzano è tanto famosa. Chi va a passeggio in città non deve però rinunciare alla cultura.

Museo Archeologico dell´Alto Adige

L´uomo venuto dal ghiaccio: 45 anni circa, capelli lunghi e scuri, occhi azzurri, 1,60 m di altezza, 50 kg di peso – ha vissuto 5.300 anni fa.

Il sensazionale ritrovamento del 1991 sulle Alpi dell´Ötztal ha portato alla luce una tessera di straordinaria importanza nel mosaico del nostro passato. Il suo vestiario e il suo equipaggiamento ci permettono di dare uno sguardo alla vita quotidiana degli uomini del Neolitico, al loro ambiente e alla loro straordinaria capacità di adattarvisi.

Oggi si sa perfettamente cosa ha mangiato poco prima della sua morte e di che malattie ha sofferto durante la sua vita. Eppure la più antica mummia umida del mondo nasconde ancora molti segreti.

Museo archeologico dell´Alto Adige, Via Museo 43
Tel. 0471 320100
Aperto da martedí a domenica, dalle 10.00 alle 17.30 (nei mesi di luglio, agosto e dicembre aperto tutti i giorni)


Gola Stanghe (Gilfenklamm) a Stanghe, Racines

Il sentiero di Gola Stanghe fu inaugurato il 2 agosto del 1896. Questa indimenticabile passeggiata comincia in località Stanghe attraverso un paesaggio naturale unico nel suo genere. Gola Stanghe è scavata in un marmo bianchissimo che ha in superficie riflessi che vanno dal verde al verde scuro.

Il percorso della passeggiata comincia presso il Gasthof Gilfenklamm, un albergo semplice e tipico. Da lì basta seguire il sentiero segnato ed entrare nel bosco, dove si trova il vero e proprio ingresso alla gola. Da qui in avanti è un susseguirsi di squarci suggestivi. Nel profondo della stretta gola l’acqua scorre rumorosa e si getta con forza nella valle. Qui si uniscono la forza e bellezza della natura. Dalla gola si esce, portando con sé un vivo ricordo di questo scenario, a Racines, dove il paesaggio ritorna di colpo ad essere quieto e tranquillo. Per tornare a Stanghe prendere il sentiero n. 13 verso Pratone (Pardaun) e poi proseguire per Stanghe.

miniere di Monteneve a Ridanna

Monteneve a Ridanna è una delle miniere più alte d’Europa (a circa 14 km dall’Hotel Rainer Natura). Nel cuore delle Alpi il giacimento minerario si estende dai 2.000 ai 2.650 m. Per circa un millennio eserciti di minatori vi estrassero minerali preziosi quali argento, piombo e zinco in situazioni climatiche e lavorative estreme. Le miniere furono chiuse definitivamente nel 1985. Oggi, trasformate in museo, offrono squarci straordinari e concreti sulle tecniche antiche e moderne di estrazione dei minerali. I visitatorivengono accompagnati da guide locali molto preparate e legate alle tradizioni e alla storia della miniera.


Castel Reifenstein a Elzenbaum vicino Vipiteno

Reifenstein è uno dei castelli meglio conservati e di maggior valore storico-artistico dell’Alto Adige ed ha al suo interno anche una chiesetta intitolata a San Zeno. Una visita al castello permette di ammirare la cucina originale del castello, la stanza da bagno, i giacigli medievali nella torre residenziale, le stubi in legno, la famosa sala verde con la splendida grata in legno del tardo gotico e molto altro. Lavisita al castello è un’esperienza per tutta la famiglia! 

Castel Wolfsthurn a Mareta, Racines

Castel Wolfsthurn, il castello barocco dalle 365 finestre, è una miniera di informazioni storiche e culturali sulla selvaggina, l’arte venatoria e la pesca. Ai bambini è offerto un percorso ludico-didattico in cui incontrano gli animali e imparano a riconoscerne le caratteristiche. A chi appartiene quell’orma? Dove si rifugia l’orso in inverno? Al primo piano del castello si possono visitare le sontuose sale barocche con arredi originali. Il castello è collegato a Mareta attraverso il sentiero “Bosco e acqua”, una passeggiata di 1 km, adatta anche a passeggini e carrozzelle, che costeggia una riserva di daini recintata.